Legaltech

GDPR

L’UNIONE EUROPEA A PUGNO DURO CON META: È ORA CHE SI CONFORMI ALLE NORMATIVE EUROPEE IN TEMA DI PRIVACY.

Il 1° novembre 2023, il Comitato europeo per la protezione dei dati ha emesso una decisione vincolante imponendo a Meta, società madre di Facebook e Instagram, di interrompere l’uso dei dati personali degli utenti per fini di marketing senza consenso esplicito. Questa mossa segue precedenti controversie sulla privacy, compreso uno scandalo del 2018 su Facebook, con l’autorità di protezione dei dati irlandese che ha già multato Meta per violazioni del GDPR. La decisione del Comitato europeo mira a far rispettare norme sulla protezione dei dati, vietando a Meta di utilizzare il legittimo interesse come base giuridica per trattare i dati degli utenti europei a fini pubblicitari. In risposta, Meta ha introdotto un servizio di abbonamento a pagamento senza pubblicità per Facebook e Instagram nell’UE, cercando di conformarsi al GDPR e mitigare preoccupazioni sulla profilazione dei dati. Tuttavia, la possibilità di interrompere la profilazione è riservata agli utenti a pagamento, sollevando interrogativi sulla monetizzazione del consenso e suscitando attenzione sulle strategie di Meta.

Categorie

Ultimi articoli

LegaltechItalia

La prima community LegalTech Italiana

La prima community legaltech italiana nasce per agevolare la creazione di team trasversali tra diverse professionalità. I temi che ci stanno a cuore sono l’efficienza nella fornitura di servizi legali ed i suoi aspetti economici; la necessità di comprendere ed elaborare i dati prodotti da tutte le attività legali ed il modo in cui tale patrimonio di conoscenze, che aumenta per quantità e qualità ogni giorno  aggiunge nuovo valore per chi produce il servizio e per tutti quelli che ne fruiscono.